Come Realizzare degli Orecchini a Forma di Spirale

Voglio proporvi oggi una guida che vi insegnerà come realizzare degli orecchini a forma di spirale arricchiti da perline. Il costo complessivo dell’occorrente non è elevato e la realizzazione è abbastanza semplice. Unico accorgimento: date spazio alla vostra fantasia.

Occorrente
Un filo di ferro (40 cm)
60 perline

Il primo passo da compiere nel caso in cui vogliate realizzare dei fantastici orecchini a forma di spirale è di recarvi in una merceria o in un negozio di hobbystica dove acquisterete una confezione di perline del colore e della fantasia che preferite. Dopo andate in un ferramenta e comprate del filo di ferro.

Una volta procurato l’occorrente, prendete il filo di ferro e tagliatene due di circa 20 cm circa. Fatto ciò, infilate 2 perline in uno dei fili di ferro, che fungeranno da fondo dell’orecchino, poi attorcigliate un po’ di esso attorno all’ultima perlina per bloccarlo, infilandolo nella perlina stessa. Inserite ora le altre 28 perline per ottenere una media lunghezza.

A questo punto fermate la base superiore dell’orecchino facendo roteare il filo di ferro dal basso verso l’alto, infilandolo nella prima perlina. Con il filo restante fate il gancio, dando al filo di ferro la forma di un uncino. Tagliate il filo avanzato e limatelo, se necessario, con una lima di ferro o di cartone. Infine arrotolate il filo attorno ad una penna per ottenere la forma di una spirale.

Come Pulire le Griglie in Ghisa dei Fornelli

Questa guida serve per togliere i residui di cibo bruciato o fondi di padella sulla griglia in ghisa del vostro fornello. Dopo aver seguito questa guida, con attenzione, vi ritroverete il vostro fornello come nuovo. Nota bene: Non è vero che basta inserirla nella lavastoviglie, non fa nessun effetto.

Per prima cosa, dobbiamo smontare le nostre griglie in ghisa, cosa molto semplice visto che basta solo sfilarle, non hanno nessun tipo di viti.
Prendiamo le nostre griglie e mettiamole in un punto d’appoggio (non il lavandino della cucina, non è mai bello lavorare nei punti dove i nostri strumenti per gli alimenti possono entrare in contatto).
Dopo aver trovato un buon punto d’appoggio prendiamo dell’acqua molto calda ed incominciamo a dare una prima risciacquata alla griglia.

Dopo averla risciacquata, prendiamo l’olio di gomito e la nostra paglietta a grana rossa, mettiamo il nostro olio di gomito sulla paglietta ed incominciamo a passare tutte la griglia, non basta una sola passata per rimuovere il tutto, c’è bisogno di un pò di tempo, un pò di forza e tanta pazienza. Alterniamo passate di olio e risciacqui ogni volta che sentite che i residui di cibo e i fondi di padella si stanno staccando.

Come ultimo passaggio dopo l’ultimo risciacquo, aspettiamo che la griglia si asciughi perfettamente, quando asciutta possiamo passare al montaggio.
Finalmente abbiamo finito il nostro lavoro di pulizia per le nostre griglie.
Questa operazione è da fare almeno una volta ogni sei mesi, meno tempo si fa passare da una pulizia e l’altra meno sarà faticoso togliere i residui di sporco.

Come Pulire le Cozze

Quante volte ti sei chiesto in che modo pulire alla perfezione le cozze prima di poterle cucinare? Nella guida verranno proposti semplici ma efficaci trucchi per svolgere questa importante operazione al meglio. Basta avere un pò di pazienza e tanto amore per la cucina.

Per iniziare, conviene indossare un paio di guanti in lattice per evitare il contatto diretto con le cozze. Riempi il lavandino o una ciotola con dell’acqua fredda e metti le cozze a bagno (ogni tanto è consigliabile cambiare l’acqua nel contenitore). Lascia i mitili per qualche minuto in acqua e, nel frattempo, prendi la paglietta in acciaio che sarà lo strumento principale del lavoro.

Prendi una cozza per volta dal contenitore e verifica che non sia aperta. In tal caso scartala perché il contenuto non è buono. Estrai il filamento che fuoriesce da una estremità dell’apertura della cozza e, successivamente, strofina la superficie con la paglietta d’acciaio per eliminare eventuali impurità. Nel caso in cui rimangano delle incrostazioni eliminale con il coltello.

Una volta eseguito il secondo passo per tutte le cozze, mettile in un altro contenitore pieno di acqua fredda. Metti un po’ di sale e lasciale per 15 minuti senza toccarle facendogli rimuovere le ultime impurità rimaste. Alla fine elimina l’acqua e le cozze saranno pronte per essere cucinate in vari modi.

Come Pulire il Serbatoio dell’Acqua

Mandare avanti una famiglia e una casa senza acqua e’ un’impresa da titani. Lo sanno bene tutti i coloro i quali vivono nelle zone dell’italia meridionale dove spesso e volentieri la siccita’ costringe molti comuni ad erogare l’acqua con parsimonia. Il serbatoio costituisce un’ottima alternativa.

Siamo sicuri della qualita’ dell’acqua che utilizziamo per scopi domestici di vario tipo che proviene dal nostro serbatoio? In effetti se le condizioni di stoccaggio non sono sicure si possono correre rischi molto gravi per la salute, quindi e’ necessario seguire alcune piccole norme igieniche e preferire serbatoi in acciaio o vetroresina.

Se l’acqua contenuta nel serbatoio non viene continuamente ricambiata con acqua nuova proveniente dalle tubature (il cosiddetto ciclo continuo) e’ necessario svolgere alcune manovre a cadenza mensile per non rischiare di utilizzare acqua poco sicura. Vediamo come fare! Per prima cosa procurati dell’amuchina.

Svuota completamente il serbatoio aprendo una fontana molto vicina allo stesso per evitare contaminazioni delle tubature. Versa un litro di amuchina per mille litri di acqua direttamente nel serbatoio e fai riempire con nuova acqua. Lascia agire l’amuchina per circa due ore e svuota nuovamente dallo stesso rubinetto. Riempi nuovamente il serbatoio.

Come Pulire il Sensore della Macchina Fotografica Digitale

Occuparsi della pulizia della propria macchina fotografica digitale e fare in modo che sia sempre pulita, è importante soprattutto per coloro che amano la fotografia ed è il campo in cui lavorano. Può capitare che in alcune foto possano essere visibili dei puntini neri o altri piccoli elementi che diano fastidio legati alla polvere. Ecco come fare per avere cura della propria macchina fotografica digitale ed evitare questi inconvenienti.

Il primo passo da fare per tenere ben pulita la propria macchina fotografica digitale è munirsi di tutti gli strumenti precedentemente elencati e focalizzare la propria attenzione sul sensore. Per togliere la polvere dal sensore devi prendere una pompetta, puntarla sul sensore e fare un po’ di aria.

Per fare una pulizia molto accurata del proprio sensore,oltre che ad utilizzare la pompetta a mano, puoi sfruttare un pennello. Non puoi usare un pennello qualunque: devi acquistare un pennello nei negozi addetti alla fotografia oppure di elettronica. Passa delicatamente il pennello sul sensore senza fare troppa pressione.

Dopo avere fatto queste due operazioni devi verificare che il sensore sia pulito, altrimenti bisognerà ripetere i passaggi in modo da avere una pulizia più accurata. Per verificare che ci sia stata una buona pulizia, devi scattare una foto all’aperto, durante il giorno. Devi impostare la macchina così: diaframma a f22, macchina su AV e ISO400. Dopo aver fatto la foto, studiala al computer ingrandendola del 100% per vedere se ci sono ancora granelli di polvere.