Come Giocare a Solitario con Quattro Carte Scoperte

I solitari con le carte sono giochi antichissimi e aiutano molto ad ammazzare il tempo, insomma quando non abbiamo niente da fare, un buon solitario può aiutarci a trascorrere del tempo senza accorgercene. Ne esistono svariate tipologie, per questa avrete bisogno solo di un mazzo da 40 carte.

Se state trascorrendo del tempo da soli e vi state annoiando e avete a disposizione solo un mazzo di carte, questa guida fa al caso vostro. Vi occorrerà solo un mazzo da quaranta carte che dovrete usare girato, senza quindi vedere i valori delle carte che andrete a pescare una per volta e girerete sul tavolo.

Dovrete girare sul tavolo quattro carte. Se ci sono degli assi questi vanno tenuti girati ma messi da parte. Se tra le carte girate c’è una corrispondenza discendente, cioè se c’è un otto e un sette, allora andranno messe nella stessa colonna. In pratica il gioco si sviluppa su quattro colonne che formerete girando le carte del mazzo.

Dovrete mettere le carte del valore discendente nella colonna dove c’è la carta che vale un punto in più. Nel caso la carta non può essere messe su nessuna colonna va scartata. L’obiettivo è comunque quello di formare quattro mazzetti in cui ci siano carte dello stesso seme, disposte in ordine crescente. In pratica dovrete posizionare le carte di uno stesso seme sull’asso del seme associato.

Come Perdere Peso Senza Dieta

Recenti studi hanno dimostrato che la maggior parte delle donne, se avessero avuto una scelta, sicuramente preferisce infilarsi nel jeans vecchi … di fare il sesso con un uomo attraente e famoso. Purtroppo, portare alla perdita di peso si può solo in due modi: dieta ed esercizio fisico.

Tuttavia, è possibile aiutare voi stessi, modificando quotidianamente pochi abitudini . Questo non vi fa improvvisamente diventare la figura ideale – ma qualche chilo si può perdere, senza alcun sforzo .

Mangia lentamente.
Mettere da parte un po’di tempo che si spende solo per il cibo – lascia che sia, per esempio, 20 minuti. Masticare, gustare, mangiare piccoli morsi godendosi pienamente il cibo. Vi sentirete saturi entro la fine del pasto – e di conseguenza mangiate di meno.

Dormire un’ora di più.
Secondo le indagini condotte presso l’Università del Michigan, a solo un’ora in più di sonno al giorno fa perdere più di 6 kg / anno. Forse non è molto – ma è senza sforzo.

Aggiungi più verdure ai vostri pasti.
Meglio due insalate al posto di una, o l’aggiunta al panino di una fetta di pomodoro o la foglia di lattuga . Quindi, anche se in qualche modo non vuoi costringerti a mangiare le verdure – così consumerai di più .

Cucinare le minestre.
Due portate con una idea molto intelligente. Le minestre sono meno caloriche, ciò contribuirà a soddisfare la maggior parte della fame prima che tocchi secondo, che di solito è molto più pesante.

Bere tè verde.
In primo luogo, può soddisfare il desiderio di fame e privo di calorie. In secondo luogo, ha una proprietà stimolanti per metabolismo, sostiene così la perdita di peso.

Mangiare a casa.
Pasti preparati in casa non solo sono più gustosi,ma hai il pieno controllo su ciò che entra nella loro composizione. Inoltre, cucinando a casa finisci di mangiare in fast-food.

Acquista piatti più piccoli.
Noi mangiamo non solo con la bocca, ma anche con gli “occhi”. Quando si vede il cibo messo al piatto più piccolo, sembra di vedere le porzioni molto più grandi . Finendolo l’abbiamo l’impressione che abbiamo avuto un bel po ‘- e cominciamo a sentici soddisfatti.

Si tratta di operazioni semplici, ma che possono essere utili. Se si voglio controllare i propri progressi, è poi consigliabile utilizzare una bilancia elettronica al posto di una meccanica, visto che questi dispositivi sono più precisi.

Come Giocare a Semaforo e Segnali Stradali

Con questa attività vogliamo invitare i bambini a descrivere, formulare opinioni sui percorsi che giornalmente fanno sulla strada, la nostra presenza sarà di stimolo per favorire il ricordo delle cose più frequenti. E’ utile sollecitare relazioni, interventi, opinioni.

Occorrente
Cartoncino, matita, gomma, colori, bastone, colla, carta velina rossa, carta velina gialla, carta velina verde.

Costruiamo un semaforo con un cartoncino e facciamo provare a indovinare il significato delle luci del semaforo. Prendiamo un rettangolo di cartoncino rigido e fissiamolo a un bastone. Ritagliamo tre cerchi di carta e incolliamoli sul cartoncino uno sotto l’ altro. Applichiamo su quello in alto della carta velina rossa.

Applichiamo su quello in mezzo della carta velina gialla, su quello in basso verde. Procuriamoci una torcia e invitiamo un bambino a illuminare un cerchio alla volta. Chiediamo che cosa ci vuol dire il semaforo? Poi proponiamo un “gioco di strada” per sviluppare l’orientamento, la lateralità e la direzionalità.

Con corde e nastri adesivi colorati prepariamo un percorso semplice, senza incroci; poniamo l’ attenzione sul fatto che la strada è divisa in due da una linea che forma due corsie. Contrassegniamo ogni direzione con una freccia che indichi una località e chiamiamoli a piccoli gruppi a “fare le macchinine”.

Come Giocare a Battaglia Navale

Di certo conosci questo gioco, o perchè lo hai giocato a scuola, durante l’intervallo, strappando due fogli dal quaderno, o anche perchè lo hai giocato a casa tua o di altri con amici. Ma se non lo conosci ecco che questa guida ti viene in aiuto.

Si gioca in due giocatori, uno di fronte all’altro e separati da qualcosa in modo che non possano scrutare i due tabelloni avversari. Sia tu che il tuo avversario tracciate su un foglio ciascuno una griglia quadrata, con 10 quadratini per lato. Nella parte in alto, orizzontale della griglia,metti le lettere da A fino a J, mentre nella parte verticale muneri le righe da 1 a 10.

Sia tu che il tuo avversario tracciate accanto alla prima, una seconda griglia identica, che rappresenterà quella del tuo avversario, per appuntarti le sue mosse. Sia tu che il tuo avversario avete a disposizione una flotta composta da alcune navi, ognuna delle quali prende un certo numero di quadratini. Le navi solitamente sono: due da un quadratino, due da due, due da tre, una da quattro ed una da cinque quadratini. Queste vengono sistemati nella griglia ed ognuna occupa i suoi quadratini.

Si inizia la partita ed ognuno spara tre colpi per volta, se inizi tu, fai i tuoi tre tiri dove pensi che il tuo avversario, per tiri dirai una lettera ed un numero, dove alloro incrocio pensi ci sia la nave avversaria (ad esempio A 1 per indicare il primo quadratino). Il tuo avversario ti dirà acqua se in quella posizione non c’era nessuna nave o “colpita” se ce n’era posizionata una, ma non ti dirà quante altre ne devi colpire per affondare la nave, quando l’avrai colpita in tutti i suoi quadratini ti dirà “affondata”. Dopo i tuoi tre tiri, ne farà tre il tuo avversario. Vince chi per primo riesce ad affondare tutta la flotta avversaria.

Come si Gioca a Sei con i Dadi

Il gioco dei dadi, ha appassionato da sempre gli uomini di tutti i tempi. L’origine dei dadi è sconosciuta, ma sicuramente è un gioco molto antico. Di seguito, una guida che vi darà alcuni consigli per divertirvi in compagnia di amici e parenti adoperando appunto, i dadi.

Organizzerete il gioco in questo modo: i partecipanti in questo gioco possono essere da due a quanti volete. Ogni giocatore avrà a disposizione due gettoni. Si lanciano i dadi a turno, seguendo il senso antiorario. Se il giocatore ottiene un asso, mette un gettone al centro del tavolo, dentro un cesto. Se invece ottiene due assi, vi depositerà i due gettoni.

Se ricava un 6, passa i dadi e un gettone al suo vicino di destra; se invece ottiene due 6, darà i due gettoni e i dadi, sempre al giocatore di destra. Se il giocatore ha un solo gettone e riporta un 6 e un asso, metterà al centro del tavolo un gettone, e passerà al giocatore alla sua destra i dadi. Quando un giocatore rimarrà senza gettoni, non potrà più lanciare i dadi, ma resterà ancora in gioco.

Il gioco termina quando i gettoni sono tutti al centro del tavolo tranne uno. Il giocatore rimasto con l’ultimo gettone deve lanciare tre volte i dadi. Se nei tre lanci, non ottiene nemmeno un 6, avrà vinto la partita; in caso contrario, passerà i dadi al vicino di destra che lancerà a sua volta i dadi per tre volte. Vincerà colui che, lanciando il dado tre volte non otterrà un 6.