Il salmone, il cui nome scientifico è salmo salar, è un pesce tipico dei mari freddi del nord Atlantico, vive in acque che si caratterizzano per la bassa temperatura e per la ricchezza di ossigeno. Si tratta di un predatore particolarmente violento ed attivo. Gli adulti vivono nell’oceano e per la riproduzione risalgono lungo i fiumi dell’America del Nord e del Nord Europa per andare a deporre le loro uova, che si schiudono dopo un periodo che va dai cinque fino ai sette mesi.

Un pesce gustoso
Il salmone è considerato per le sue carni morbide uno dei pesci più pregiati e gustosi, si tratta per questo motivo di un pesce utlizzato negli allevamenti ittici. In commercio abbiamo svariate tipologie: quello più diffuso ed apprezzato è senza dubbio il salmone affumicato aromatizzato con lauro, rosmarino o ginepro.

Possiamo distinguere il salmone dell’Atlantico, considerato il più pregiato di tutti, il salmone rosso, anche esso pregiatissimo per la sua carne saporita e soda, il salmone rosa, considerato meno pregiato perché ha una carne che tende a sbriciolarsi ed infine il salmone argentato, che si può riconoscere dalla punteggiatura sulla pelle.

Per quanto riguarda l’acquisto di questo alimento, si consiglia di sceglierne uno di taglia media, il cui colore sia luminoso e brillante e la cui carne sia piuttosto soda. Può essere acquistato a filetti, a tranci, o anche intero, ricordando che solitamente la parte più gustosa è quella centrale. Nei negozi italiani troviamo soprattuto pesci di provenienza scozzese o norvegese.

Salmone in Cucina – Caratteristiche